Fantapes PS4

AD OGNUNO LA SUA!

Ad ogni Campionato, nel momento delle iscrizioni, inizia la suspance e di conseguenza iniziano le domande: e se mi chiamano la mia? Aspetta, da quante stagioni ce lho? No, dai, nessuno mi potrà mai fare questa infamata..  e invece..

Fidelizzarsi ad una squadra è sempre più di moda e col passare del tempo il trend del cambio maglia è sempre più in calo e in tanti iniziano ad affezionarsi ad i propri colori.
Ovviamente non per tutti è cosi, c’è a chi piace girare di città in città, a volte andando a bussare anche in casa d’altri.

Il Fantapes è anche questo, pensare ad una squadra e avere già in mente un manager o viceversa, storicamente possiamo ricordare la grande rivalità fra Samp e Genoa, rivalità che probabilmente cesserebbe di esistere se ad uno fra Mask e Bitta venisse presa la squadra, oppure l’Inter del Presidente, praticamente intoccabile (tranne quella volta che…), o il Boca di Jekko, qualche volta preso di mira; oppure il Leeds di Tometti.
Non possiamo pensare ad un Bologna senza Mauro, o ad un Feyenoord senza Dani, per non parlare poi del Derby della Capitale (che se non fosse per un paio di stagioni) sarebbe sempre stato Paolo Vs Sterm.  Oramai da tempo anche Mazu e il suo Brugge (dopo la scomparsa del Bari) ci hanno abituato ad una bella unione, come il CSKA e Davidone o il Parma e Cici.

Poi ci sono quegli amori nati per caso, come Drenato, passato da “Re dell’OliNpo” a “Repice di Waasland Beveren”, come mattomiliano pazzo del suo Mechelen o come Peppe il “marsigliese” con i colori partenopei nel cuore, oppure amori di lunga data come la Juventus di Bamba, l’Ascoli di Topazio o il Celtic di Jonny, spesso finito in qualche lunga contesa.

Abbiamo anche i fedelissimi più martoriati della storia, Eucalippo e Maxmacho, che ogni stagione tremano perchè sanno che c’è sempre qualcuno in agguato pronto a chiamare Liverpool o Milan.

Anche i recenti innesti hanno le idee molto chiare e non cambiamo facilmente il loro team, Riccardo, lo Svizzero di Basilea, JM con il suo Montpellier, Dimitri legato alla sua Dinamo Kiev, Makinjo sempre con la Dinamo Zagabria, Schajba con il Millwall e il Tenentecobretti fedelissimo al suo Chievo. Scelte prettamente di cuore quelle del Conte Max con l’Udinese o Zagor con il Cagliari.

Poi c’è chi cambia, ma con una frequenza molto molto bassa, come Siriano, come Frarug, Crogolik, Porec, Armando, YSFMR, Slash, Merlino o Daryo che non ha ancora capito che parte della toscana gli piace, se Empoli o Firenze o Narcotor che viaggia fra Ajax e PSV.

E infine ci sono i “SERIALI” loro che vivono con una valigia in mano e una cartina del mondo nell’altra, su tutti c’è il Citterone (che riesce in 10 giorni a cambiare idea su 4/5 squadre diverse), seguito a ruota da Vilardo e da Flea. Infine, per l’ultimo, c’è il più pericoloso di tutti, quello che ogni stagione fa venire i brividi a buona parte dei Manager, lui che vorrebbe tanto, ma tanto scombinare tutte le carte sulla tavola e che sicuramente sta architettando un piano congeniale, mentre indifferentemente prende tempo sulle sponde di Madrid (casa Blancos), eh si, proprio lui, il Sommo Paolo Giulio.

Da segnalare il ritorno al Fantapes dopo tanti anni del PSG che sarà guidato da Barzaglione, il ritorno del Flamengo di Raziel e del West Ham di Alessio, finalmente anche il Portogallo avrà una squadra, il Benfica di Johnnyace, ci sarà il Leverkusen di Stylus e la newentry Watford di Claudione.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.